Ariel Impresa Sociale

L’Agronomo Bio Logico Ariel – La biodiversità

 Semi

La biodiversità

Con il termine di biodiversità si intende quella ricchezza di specie e varietà, sia animali che vegetali presente in un dato ambiente.

    La massima espressione di biodiversità la riscontriamo in quegli ambienti in cui la pressione antropica è nulla o comunque ridotta, in tali situazioni i vari organismi hanno ognuno un proprio ruolo ben definito all’interno dell’ecosistema e l’equilibrio dinamico è continuo.

     Esempio opposto è quello di un campo coltivato a monocoltura intensiva in cui invece la biodiversità è nulla, anzi l’obbiettivo primario dell’agricoltore è quello, peraltro irraggiungibile, di avere una sola specie vegetale presente e l’eliminazione di qualsiasi presenza animale.

 

bio diversità

La diversità biologica è fondamentale per lo sviluppo di una agricoltura ecologicamente sostenibile e per assicurare la sicurezza alimentare, ma agli inizi del XXI secolo questa biodiversità dove si trova ?

Sicuramente non la rinveniamo nei vasti appezzamenti coltivati secondo i dettami dell’agricoltura industriale indirizzata solamente verso l’ottenimento della massima produzione possibile. La troviamo invece in quelle zone dove è stata minima l’azione dell’uomo, vale a dire nelle foreste tropicaliche, pur rappresentando solamente il 7% della superficie terrestre, contengono più della metà delle specie presenti sulla terra. Per esempio si è visto che su un solo albero della famiglia delle Leguminose, nella foresta peruviana, si rinvengono ben 43 specie di formiche appartenenti a 26 generi diversi, un numero simile a quelle presenti in tutta la Gran Bretagna.

Nel Borneo invece su una superficie di qualche ettaro sono state segnalate circa 700 specie di piante arboree, lo stesso numero che viene rinvenuto in tutto il Nord America.

In agricoltura poi la situazione nell’ultimo secolo è arrivata decisamente al livello di guardia: la nostra vita alimentare dipende da un numero di specie che rappresenta meno dell’1% del totale delle specie viventi sul pianeta, le piante che si potrebbero utilizzare per l’alimentazione umana sono diverse decine di migliaia, secondo alcuni studiosi almeno altre 75.000 specie, molte delle quali con valori nutritivi superiori a quelle usate normalmente. Si pensi che l’alimentazione umana è concentrata sulla coltivazione di appena 20 specie che forniscono l’85% del cibo e che tra queste mais, grano e riso, quindi 3 sole specie danno il 75% degli alimenti per l’umanità !

vivaio ariel

 

Al di là degli innegabili benefici conseguenti l’adozione di nuovi fattori produttivi, è stato registrato un impoverimento della base genetica, evidenziatosi specialmente con il manifestarsi di diffusi attacchi di agenti fitopatogeni e con la mancanza di resistenza delle nuove sementi, selezionate o ibride, ai vari stress ambientali.

Mantenere una accentuata variabilità genetica all’interno delle specie significa avere possibilità di risposta e di adattamento alle mutate condizioni ambientali o a particolari attacchi parassitari.

L’Agronomo Bio Logico Fabrizio Colasurdo

   colapuri@virgilio.it

Tags: , , , , , , , , , ,

One Comment to "L’Agronomo Bio Logico Ariel – La biodiversità"

  1. sara scrive:

    Continuate così, bravi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>